Sovrapponete le mappe: quella del massimo rischio sismico dell’Italia centrale e quella del futuro gasdotto Rete Adriatica. Coincidono perfettamente. Eppure, nonostante i terremoti, il progetto va avanti. In due anni potrebbe essere ultimato”. Giovanna Margadonna, portavoce del Comitati per l’ambiente di Sulmona (L’Aquila), con il dito segue la linea bianca che taglia in due la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Milano, l’esercito contro gang e islamisti

prev
Articolo Successivo

“Il Comune al servizio del Latina calcio”

next