Aggressioni, illeciti e affari milionari, tra silenzio e complicità. A Roma, il mercato del ferro e delle aziende di recupero offre un affresco della città: disattenzione della politica, inquinamento ambientale ed evasione fiscale. È un grande raccordo illegale, una terra dei fuochi romana con una catena di comando, da monte a valle, che consente guadagni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Terremoto, altri 17 milioni per l’Irpinia: si paga il sisma di 36 anni fa

prev
Articolo Successivo

Voto sul filo: Trump contro Clinton, sfida da brividi

next