L’ultimo a godere dei benefici della prescrizione è stato il senatore di Ala, Denis Verdini, che si è salvato in appello da una condanna in primo grado a due anni di reclusione per corruzione. Grazie alla legge ex Cirielli, voluta dal governo Berlusconi, la corruzione si prescrive in 7 anni e mezzo. All’ex coordinatore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Veltroni all’Udc: il mal d’Africa ha colpito ancora

prev
Articolo Successivo

Scuole belle, il governo ignora Cantone

next