Quando avevano deciso di tagliarla, era l’agosto del 2013, pensarono a tutti gli antidoti del caso: c’è la crisi, si diceva, serve dare un segnale e ai dipendenti della Camera che faranno ricorso possiamo solo dire che la decurtazione è momentanea: un paio d’anni di sacrifici, poi se ne riparla. Poi, arrivata la scadenza del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mps, la banca sta fallendo: “Nuovi capitali solo se vince il Sì”

prev
Articolo Successivo

Spot per il Sì (con la sorella del pentito)

next