Tutti guardano con simpatia al partito dei Pirati, tranne, ovviamente, i loro avversari. Ieri sino alle 24 urne aperte in Islanda con un timore: il Parlamento potrebbe uscirne molto frammentato. Secondo gli analisti sette partiti potrebbero entrare in Parlamento, e ciò non favorirebbe alcuna maggioranza chiara né per la coalizione di centrodestra al governo, né […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Hollande, May e quei 1500 figli di nessuno

prev
Articolo Successivo

Caso Email, il senso di Comey per la giustizia a stelle e strisce

next