Passando di notte in corso di Porta Ticinese, tra i cocci rotti della movida, si vede un murales su una saracinesca. Raffigura Dario Fo e Franca Rame. Un tributo, informale e vivo, che si trova vicino alle colonne di San Lorenzo e ai sotterranei della basilica che Dario Fo amava visitare. “Una volta – racconta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Diluvio e pugni alzati per Fo. L’addio a uno “smoderato”

prev
Articolo Successivo

Quei due giullari di mio padre e mia madre dicevano: “Fa’ quel che vuoi, campi di più”

next