Alla fine, quella parola così ingombrante – “videosorveglianza” – nel titolo della legge non ci sarà. Segno evidente che, al netto del consenso quasi unanime, qualche remora per essersi arresi al Grande Fratello ancora c’è. La prossima settimana sarà l’aula di Montecitorio a discuterne. Esito quasi scontato: contraria solo Sinistra Italiana, Cinque Stelle ancora incerti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Matteo e il disprezzo per i docenti

prev
Articolo Successivo

Provincia di Caserta: zero soldi, pagate voi il riscaldamento

next