C’è un editore caduto in disgrazia. C’è il candidato – perdente – alle primarie del Pd. E c’è il monnezzaro, l’imprenditore che continua a navigare sulla cresta dell’onda, nonostante processi e condanne. Tutti uniti dal comune nemico, un sindaco eletto contro ogni previsione. Non un primo cittadino qualsiasi, ma un vice questore aggiunto, candidato dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Virginia ha trovato l’assessore al Bilancio: è un ex magistrato contabile, non romano

prev
Articolo Successivo

Tutti in aula Vostro Onore. Guida per i processati fra tribunali e malapolitica

next