Il braccio hack del Cremlino ha colpito ancora una volta l’America: l’obiettivo è spingere gli Usa nel fango dell’ipocrisia, a poche ore dallo sconcertante scandalo delle omissioni di Hillary Clinton sullo stato di salute. La nuova clamorosa incursione dei pirati informatici russi Fancy Bears (Orsi fighetti) ha svuotato il database della Wada, l’Agenzia internazionale antidoping, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Non pensavo fosse grave”. Hillary fa l’illusionista

prev
Articolo Successivo

Candidati pieni di conflitti, d’interessi

next