Il corpicino di Alan Kurdi è andato l’oltre l’“iconico”. Per il fatto di essere piccolo, vestito come un bambino europeo e con la pelle chiara, il figlio di una famiglia di rifugiati curdi che avevano attraversato il Mediterraneo dalla Turchia verso l’Europa è diventato ‘nostro’ figlio. Nel momento stesso in cui il suo minuscolo corpo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Rajoy, ultima sfida con Babbo Natale

prev
Articolo Successivo

“Putin boia”: il grido delle madri di Beslan

next