Lo sport è da sempre prosecuzione della politica con altri mezzi, ma questa dimensione è accettata solo quando la utilizza chi lo governa, gli atleti invece devono tacere. Se ne è accorto Colin Kaepernick, quarterback afroamericano dei San Francisco 49ers (squadra della lega di football americano Nfl) che venerdì sera prima di un’amichevole contro i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Tutti conoscono i calciatori, quasi nessuno le cellule staminali”

prev
Articolo Successivo

Troppi attori, pochi registi. Serie A in cerca di idee

next