L’argomento del giorno, per quanto riguarda la candidatura alle Olimpiadi del 2024 è il cosiddetto “piano B”. In caso di no del sindaco di Roma, il Comitato promotore delle Olimpiadi ha preso in considerazione la possibilità di andare avanti comunque col benestare del governo. Un ragionamento che poggia anche sulla considerazione che la candidatura coinvolge […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Olimpiadi? C’è un miliardo di debito per Roma 1960”

prev
Articolo Successivo

Il vescovo “imprenditore”: era a L’Aquila, ora è ad Ascoli

next