Tim Cook nel 2011 ha dovuto accettare un lavoro difficile quasi quanto fare il ministro delle Finanze della Grecia: ha preso il posto di Steve Jobs alla guida di Apple. Oggi tutti festeggiano il suo quinto anniversario: i ricavi sono aumentati, anche se per oltre metà dipendono da un mercato che sembra saturo, quello dell’iPhone. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Banche, Padoan non ha fretta di rendere esecutiva la direttiva Ue sull’onorabilità. E restano gli impresentabili

prev
Articolo Successivo

Da Ryanair ad Apple, i bluff del governo sugli investimenti

next