Fino a qualche mese fa, la sicurezza della Rai non era mai stata in cima alla lista delle priorità dei vertici di viale Mazzini, tanto che era affidata a un consulente esterno, un funzionario di polizia in pensione. Poi è arrivato come amministratore delegato Antonio Campo Dall’Orto e con lui un “chief security officer”, un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Bocciato dal Consiglio di Stato, il progetto è di nuovo “in corsa”

prev
Articolo Successivo

Pil fermo, la toppa del Tg3 è peggio dell’oscuramento

next