Questo non è un articolo: è – chiedendo scusa a Re Giorgio – un monito. Una diffida. Che a nessuno venga in mente di attribuire ai poteri jettatorii di Matteo Renzi l’inattesa sconfitta di Federica Pellegrini, magari con la scusa che il premier, nella sua tetra permanenza a Rio, le aveva rivolto i più calorosi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

giovedì 11 agosto 2016

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mannelli

next