Ventisette luglio, ore 20 e 39. Velodromo di Newport, Galles. In pista, il quartetto olimpico britannico dell’inseguimento a squadre per l’ultima rifinitura prima della spedizione ai Giochi di Rio. Sedici giri di pista, 4 chilometri. Bradley Wiggins, Ed Clancy, Steven Burke e Owain Doull tagliano il traguardo e segnano un tempo inferiore al primato mondiale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fine corsa: tutto il Milan di B. ai nipotini (capitalisti) di Mao

prev
Articolo Successivo

Pellegrini portabandiera in Libia: il drappo è bianco

next