Niente, bisogna proprio che smetta di leggere questa raccolta di corsivi di Fortebraccio (annate 1971-’72), perché calzano tutti a pennello ai personaggi (si fa per dire) dell’attualità. Uno dei suoi prediletti era il direttore del Resto del Carlino, Girolamo Modesti, che lui chiamava “il maggiordomo del cavaliere Attilio Monti” per il suo innato servilismo verso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

La cattiveria 0408

next