Le tristi circostanze del mestiere mi riportano alla Promenade des Anglais, sul percorso della strage. Il sole abbacinante del giorno dopo illumina il profilo arabesque dell’Hotel Negresco, il simbolo Belle Epoque di una Nizza che forse non c’è più dalla maledetta sera del 14 luglio. E subito mi viene in mente quando andavo a spasso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

È porno-vendetta tra teenager. “Punito” un ragazzo su venti

prev
Articolo Successivo

Usa 2020, cosa resta dopo il primo mandato di Trump

next