Vogliono il “cantiere”. E le prime cazzuole pretendono di vederle presto, molto prima del referendum in cui il capomastro Matteo Renzi si giocherà tutto. Così invocano l’apertura di un tavolo sulla legge elettorale con gli altri partiti, già prima della pausa estiva. E si aspettano fatti concreti in Parlamento, a settembre. Dal Pd, e da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il reato di tortura può attendere: la legge si ferma

prev
Articolo Successivo

Amici Neofiti del No: un po’ di serietà, per favore

next