Quando il pastore aveva il 41% il gregge parlamentare era riformista (nel senso della legge costituzionale Boschi) e persino i senatori votavano felici la loro sostituzione coi consiglieri regionali. Ora che il pastore vivacchia a percentuali assai più modeste le resipiscenze costituzionali si sprecano. Questo giornale, come si sa, è apertamente schierato per il No […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Legge elettorale, ecco il Bersanellum. La sfida a Renzi: “Se vuoi il Sì, tratta”

prev
Articolo Successivo

Antiterrorismo alla Alfano: adesso i pm alzano la voce

next