L’hanno spinta al passo indietro, l’hanno “dimissionata”. Lui, Beppe Grillo, il garante. Assieme ai big del Direttorio, con in prima fila Luigi Di Maio. Compatti nello scegliere una soluzione drastica perfino per Roberta Lombardi, deputata di peso, e fedelissima del fondatore. Perché la partita della Capitale può essere il lasciapassare per salire al governo. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’uomo di Confindustria all’Ambiente. Galletti: “Ha la mia fiducia personale”

prev
Articolo Successivo

De Luca, la finta firma e i rifiuti in Marocco

next