La donna, sulla quarantina, strepita come un’ossessa, a ragione: “Che cosa sta facendo? Che cosa sta facendo?”. Dalla piazza, a dieci metri, rimbomba senza sosta un urlo belluino che come un’onda investe il centro storico: “Pezzo di merda, Lotito, pezzo di merda”. La donna ce l’ha con un uomo che indossa la maglia della Lazio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

C’è un mondo di mezzo tra la Juve e la ‘ndrangheta

prev
Articolo Successivo

Schwazer, i russi e molti altri. E Donati attacca: “Alex pulito”

next