Parte aggressiva e vira fortemente a destra. Theresa May dà un taglio netto al conservatorismo moderno dei quarantenni e “in un bagno di sangue” decapita tutti i ministri (a parte due) di stretta osservanza cameroniana. Nel rimpasto governativo presentato ieri la testa più pesante a cadere è quella di Michael Gove, l’ex ministro della Giustizia. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Negli Usa c’è razzismo istituzionale”

prev
Articolo Successivo

Villeggiatura col boss: i fedelissimi di Putin trovano dacia vicino alla sua

next