È un silenzio che annichilisce tutti. Finanche i giornalisti, i fotografi e i cameramen stretti in un recinto bruciato dal sole, tacciono. Il dolore non fa rumore, quello dei familiari dei 23 morti della strage del treno è muto. Arrivano alla spicciolata all’obitorio del Policlinico dei Bari, ultima, straziante dimora di figli giovani, padri che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Scontro treni Puglia, la vecchia tecnica del polverone e dello scaricabarile

prev
Articolo Successivo

Le ferrovie greche alle Fs per 45 milioni. E ora il Tesoro rischia di pagare i debiti

next