Il 15 agosto 1945 l’imperatore Hirohito rivolse ai sudditi un pubblico appello affinché cessassero le operazioni militari. Milioni di giapponesi rimasero sconvolti nell’ascoltare per la prima volta la voce del loro Imperatore-Dio. Hirohito, sollecitato dagli americani, fu costretto a dichiarare la rinuncia al suo stato divino. Settantun anni dopo, suo figlio Akihito medita l’abdicazione: ed […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La passerella della società civile: 9 minuti

prev
Articolo Successivo

Johnson ministro, May punta su Brexit

next