Al termine del Consiglio europeo, il premier Renzi – dopo il no di Angela Merkel a una revisione del bail-in – ha dichiarato che “le regole sono state cambiate nel 2003 per fare un favore a Francia e Germania”, che superarono il tetto del 3% deficit/Pil, “e Berlusconi, uomo generoso, glielo consentì”. Le cose, però, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Come lasciar fallire il Monte dei Paschi e governare felici

prev
Articolo Successivo

Trattato col Canada, la resa di Bruxelles: ora il Ttip è morto (forse)

next