Fino a pochianni fa uno dei marchi alimentari italiani più noti, ora un’azienda in crisi su cui si addensano anche le ombre di bilanci taroccati e false attestazioni come lasciapassare per accedere indebitamente a finanziamenti pubblici. Parmacotto, prima ancora che ai suoi creditori, dovrà rispondere agli inquirenti che ipotizzano il reato di truffa aggravata per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dall’automobile in sosta vietata alla veranda abusiva in casa: tutti i guai del capo dei vigili

prev
Articolo Successivo

Kamikaze senza frontiere sangue anche alla Medina

next