Un filo, ahinoi, assai poco rassicurante, lega l’assassino dei due poliziotti di Magnanville a Omar Mateen, il massacratore del club gay Pulse di Orlando. Entrambi erano sospettati di stare in bilico tra integralismo e terrorismo. L’americano era stato sottoposto a due interrogatori, nel 2013 e nel 2014, durante i periodi nei quali l’Fbi lo aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Abballa e i soliti sospetti: segnalati eppure assassini

prev
Articolo Successivo

Un Paese per gay? No, ma per vecchi (alla Casa Bianca)

next