» Politica
domenica 12/06/2016

Renzi alla Coca-Cola, brindisi per il candidato del “Mattino”

Il premier va in tour tra le imprese di Marcianise nel Casertano. Lo spot al giornalista in corsa al ballottaggio nel Comune dove i Dem si sono divisi
Renzi alla Coca-Cola, brindisi per il candidato del “Mattino”

C’è un lato B della visita di Matteo Renzi a Marcianise (Caserta) che non è passato inosservato tra gli addetti ai lavori della politica. Il premier ieri è venuto a rendere omaggio a Getra (azienda leader nell’energia) e Coca Cola, punte di diamante del sistema produttivo meridionale. Il “Sud che vince” secondo la retorica di Vincenzo De Luca, il governatore che con Renzi è tornato a Giugliano sui luoghi delle ecoballe finalmente in via di smistamento.

Occhio però alla tempistica, perché avere Renzi in una città che sta per scegliere il sindaco al ballottaggio non è cosa di tutti i giorni. Uno dei due contendenti è il candidato del Pd ed ovviamente gongola per l’arrivo del premier: si tratta di Antonello Velardi, un big del giornalismo che ha avuto ruoli di responsabilità a La Voce di Montanelli e al Tg 5 di Mentana. Poi è stato vice direttore del Corriere del Mezzogiorno e ora è capo redattore centrale de Il Mattino.

Il selfie di Velardi con Renzi ieri ha fatto il giro del web. Ossigeno puro in vista del ballottaggio. Al quale il giornalista arriva da gran favorito, forte di un 49% al primo turno, tre punti in più delle sette liste che lo appoggiano, e dodici in più dell’avversario Dario Abbate.

A Marcianise la sfida è interna al centrosinistra. Abbate è un dem uscito dal partito in segno di protesta per la mancata celebrazione delle primarie. Il Pd campano e il commissario di Caserta Franco Mirabelli puntarono compatti su Velardi e non vollero rischiarlo. Lo stesso valeva per Renzi, a cui non poteva dispiacere un uomo proveniente dal giornale dei Caltagirone, che guardano con molta attenzione al commissariamento voluto dal governo dell’ex area industriale di Bagnoli, dove possiedono i ruderi della Cementir. Il 6 aprile Renzi venne a Napoli per presentare il piano su Bagnoli ma prima si fiondò in via Chiatamone per un forum al Mattino. Proprio nei paraggi avvennero alcuni scontri. Anche in quell’occasione Renzi ‘benedì’ Velardi con tanto di foto. A incupire il lieto fine annunciato di questa bella favola c’è un’ombra che non riguarda Velardi, ma uno dei suoi principali sponsor, l’ex sindaco Filippo Fecondo, che in piena campagna elettorale è finito sotto inchiesta per concorso esterno in associazione camorristica. Due pentiti hanno raccontato che Fecondo vinse nel 2001 e 2006 grazie all’appoggio del clan dei Casalesi. A Marcianise e nel Casertano non ci sono solo aziende all’avanguardia.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Niente multe, meno tasse: “E io pago!”

Sono propriole ultime armi, quelle di Gianni Lettieri, il candidato napoletano di centrodestra che dovrà sfidare al ballottaggio il 42,8 per cento di De Magistris partendo dal suo 24. Amiche e amici del centrodestra, intramontabili: l’uomo che non voleva rivelare il suo programma in campagna elettorale, restio a svelare le sue mosse, si è svegliato d’un tratto e ha tirato fuori la soluzione a tutti i problemi. Sono proposte che non si possono rifiutare: come la sanatoria per le multe e i tributi non pagati. Nessun maggior controllo, nessuna immediata regola da rispettare. Macché. Sconto per tutti.

“I dati sono chiari – dice il candidato – solo il 16% paga le multe a Napoli e solo il 34% i tributi locali vengono pagati. Con una delibera proporrò ai cittadini di pagare il 15% delle multe e dei tributi arretrati”. Ma non basta. Sul piatto, anche la riduzione delle tasse: “Abbasserò le tasse comunali e ci sarà un risparmio di 1.000 euro l’anno a famiglia”. Come coprire tutto questo? La risposta è per sommi capi, ma di poca pratica, tra vendita di immobili comunali e acconti per uscire dal predissesto. Ma nell’aria di Napoli risuona una voce che fa: “E io pago!”.

Politica

“Renzi era convinto di avere sfondato a destra. Ma è finito l’effetto-novità”

Politica

De Luca, insostenibile arroganza del potere

Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande
Politica
Miliardi rossi - Tre giorni di firme e visite blindate

Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×