L’Intervista

“Noi prigionieri e la tragedia dei nemici”

Dacia Maraini - La scrittrice nel 1945 era internata a Tokyo con la famiglia

1 Giugno 2016

Liceo Volta di Ortona in Abruzzo, gli studenti incontrano Dacia Maraini, la scrittrice e poetessa che nel 1943 insieme alla sua famiglia venne internata in un campo di concentramento a poche centinaia di chilometri da Hiroshima. Si erano rifiutati di aderire alla Repubblica di Salò e lei, bambina di 7 anni, visse quella storia che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui