Forse anche un fottuto guitto esibizionista come Marco Pannella, se potesse commentare l’orgia di diabetica retorica e di tartufesco unanimismo che accompagna il suo feretro, ne sarebbe schifato. Ed è incredibile che, avendone avuto tutto il tempo, non abbia lasciato tra le sue ultime volontà, insieme al brano musicale da suonare al suo funerale, anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

domenica 22 maggio 2016

prev
Articolo Successivo

Testatina 2205

next