FERRERO & OSTI. A novembre, dopo 12 partite di cui 4 vinte, 4 pareggiate e 4 perse (e con la Samp decima), cacciano Zenga a pedate per ingaggiare Montella; poi la Samp ne perde 13 su 25, tracolla nel derby e si salva per il rotto della cuffia. E allora ecco Ferrero che prova a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Polvere di Milan, il Diavolo tra la Cina e la solita china

prev
Articolo Successivo

Da Fede a Corona. Una botta al Cecchi l’altra al Paone

next