Giovedì 28 aprile. Appuntamento con gli amici laghée. Uno è Cecco Bellosi di Colonno, sponda occidentale del lago di Como. Tra le tante vite che vive, c’è quella dello scrittore: racconta lago e montagna, confine e frontiera dell’anima, non solo di Stati. Storie di irregolari e di antieroi: contrabbandieri, ribelli, artisti e artigiani (Con i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Come si seleziona la classe dirigente. La scuola dei gesuiti (e dei comunisti)

prev
Articolo Successivo

Per Mussolini braccia tese nella chiesa di Catania

next