La fusione di Banco Popolare con Bpm ora è più vicina: gli azionisti, in assemblea a Verona, hanno votato alla (quasi) unanimità (oltre 18 mila i favorevoli, 120 contrari, 27 astenuti) l’aumento di capitale: una dote da un miliardo di euro necessaria per convolare a nozze. Un passaggio obbligato imposto dalla Bce. “L’aumento di capitale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese