Meglio tardi che mai”. Era una delle tante scritte sugli striscioni innalzati dai deputati filo-governativi che, giovedì, hanno acclamato a Brasilia l’allontanamento dalla presidenza della Camera del politico più odiato del Brasile, Eduardo Cunha. È stato Teori Zavascki, giudice del Supremo tribunale federale, a sospendere Cunha: l’ha fatto dopo il 17 aprile – ma la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Doppia punizione a Dundar condanna e spari a Istanbul

prev
Articolo Successivo

Arrestato attivista legato al caso Regeni

next