Nell’Italia dei nominati forse il Pd dovrebbe cambiare nome. “Democratico” è un sostantivo sopravvissuto a liturgie ormai lontane: rallentano il futuro dei governi che soffrono l’isteria di chi, a tutti i costi, insiste nel voler partecipare. Chiamiamolo semplicemente Partito. Cinquant’anni fa raccoglieva cittadini uniti nella gestione della cosa pubblica, prassi degradata nel participio passato che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

30 anni d’internet e c’è qualcosa che non torna

prev
Articolo Successivo

Nell’appartamento di Giulio tra paure e mezze verità

next