C’è l’urlo di Munch. C’è quello di Roger Waters in Careful With That Axe, Eugene. E poi c’è quello di Marco Tardelli. “Il mio urlo è durato 7 secondi (…) Quei 175 fotogrammi mi hanno regalato un posto nella storia nel calcio”. Sono parole del diretto interessato, raccolte dalla figlia giornalista Sara per un’autobiografia – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Botticelli è per sempre. Da Warhol a Lady Gaga

prev
Articolo Successivo

Andate e compratene tutti: complotto dei lettori per ribaltare le classifiche

next