È il bello del calcio. Sì, ma provate a dirlo ai devoti del Barcellona, ai cantori di Leo Messi e Neymar, alla claque di Luis Suarez, il pistolero. Era tutto un inchino, dalle Ramblas alle pampas, i superlativi saltavano come tappi di champagne. Che goduria: l’Atletico del Cholo Simeone prigioniero a distanza di sicurezza e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Andate e compratene tutti: complotto dei lettori per ribaltare le classifiche

prev
Articolo Successivo

Per l’ego di Spalletti (contro Totti) Trigoria non basta

next