Caro Antonio (Ingroia), credi alla mia stima. È nata dal nostro comune impegno critico, quando il presidente Napolitano pretese provvedimenti giudiziari non previsti dal codice di procedura penale per la distruzione delle trascrizioni delle sue telefonate, legittimamente intercettate; dalla nostra delusione (mista a indignazione, diciamo la verità) di fronte alla sentenza della Corte costituzionale che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

I numeri dell’Istat non si fermano mai

next