Entro dieci giorni la Confindustria avrà un nuovo presidente. Sono rimasti due contendenti per il posto di Giorgio Squinzi: Vincenzo Boccia, ad delle Arti Grafiche di Salerno, e Alberto Vacchi, bolognese, che guida un gruppo più grande, la Ima (meccanica). Gli imprenditori non hanno dato una bella prova di sé in questa campagna elettorale: le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ultimatum della Ue a Visco: vendere Etruria e le altre entro aprile

prev
Articolo Successivo

La beffa dei voucher: così i precari Co.co.pro divennero ultra-precari

next