La dittatura militare di Videla guidò l’Argentina dal 1976 al 1983 dopo aver rovesciato il governo Peron democraticamente eletto; si macchiò di crimini contro l’umanità, legati in particolare ai circa 30.000 desaparecidos, per lo più oppositori del regime che venivano rapiti e spesso gettati in mare con i “voli della morte”. Il regime militare in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fìdel & C., i leader costretti all’immortalità

prev
Articolo Successivo

Salah, l’assassino “stressato” diventa gola profonda

next