Mercoledì, prime luci dell’alba. Mentre a Bruxelles la polizia sta per rilasciare due fermati per mancanza di prove sulla loro presunta complicità con i terroristi in fuga dopo il maldestro blitz nella municipalità di Forest, alla periferia sud di Bruxelles, gli uomini della Dgsi (Direction générale de la Securité intérieure) e quelli dell’antiterrorismo arrestano tre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Anas, la “dama nera” delle tangenti e il manager che incontrava Delrio

prev
Articolo Successivo

Pronti i soldi per il Sultano blocca-migranti

next