/ di

Marco Ponti Marco Ponti

Marco Ponti

Professore ordinario di Economia applicata, Politecnico di Milano

Sono del ’41, ho una laurea in architettura al Politecnico di Milano. Ho studiato un pò negli Stati Uniti, poi ho lavorato nei trasporti in giro per il mondo per 13 anni come consulente per la Banca Mondiale. Ho fatto l’imprenditore (sempre negli studi di trasporti, la mia società si chiama TRT), poi ho incominciato a insegnare economia e a scrivere sui giornali, sono stato consulente di molti ministri dei trasporti e economici, con rapporti in genere difficilissimi, sono stato consigliere di amministrazione di due società pubbliche da cui mi hanno cacciato, sempre a causa delle mie idee, adesso sono professore ordinario di Economia al Politecnico di Milano (in fase di pensionamento), sono responsabile di un gruppo di ricerca internazionale sulla regolazione economica dei trasporti, e collaboro con la Commissione Europea.
Sono stato definito a suo tempo da un collaboratore del ministro Lunardi un pericoloso comunista-liberista, cosa di cui vado molto fiero.

Articoli Premium di Marco Ponti

Commenti - 10 agosto 2018

Per capire i mercati chiedi al pizzaiolo

C’era una volta un pizzaiolo che voleva aprire una pizzeria. Aveva due amici, a cui chiese un prestito. Ma i soldi non erano sufficienti, e dovette chiederne anche a un tizio che non conosceva. Il tasso di interesse era abbastanza basso, l’impresa sembrava promettente. Ma il pizzaiolo si rivelò pigro e trascurato. Invece di darsi […]
Commenti - 7 agosto 2018

Grandi Opere, ora proviamo a fare i conti

Anche il ministro dei Trasporti del governo precedente voleva fare i conti. Ha anche pubblicato delle buone linee guida su come farli, e ne ha reso virtuosamente obbligatorio l’uso per valutare i progetti come si fa in molti paesi sviluppati. Poi ha cambiato misteriosamente idea, e ha deciso che le linee-guida valevano per i progetti […]
Commenti - 22 luglio 2018

Inps, Boeri è troppo coerente per poter piacere ai politici

Caro direttore, i numeri fanno politica, non sono neutrali. Ma solo fino a un certo punto, e in particolare è l’uso dei numeri che è manipolabile, molto più dei numeri stessi. Il caso di Tito Boeri, presidente dell’Inps, brilla da questo punto di vista come una notevole eccezione. Negli anni scorsi, in base ai numeri […]
Il Fatto Economico - 9 maggio 2018

Altro che liberismo, serve una rivoluzione “liberale”

La Rivoluzione industriale, che è stata strettamente correlata all’apertura dei mercati e all’avvento di regimi democratici, in Italia è arrivata non solo in ritardo, ma anche con scarsi contenuti di innovazione “autoctona”: anche il nostro decollo industriale avvenuto dopo la seconda guerra mondiale si è basato sulla produzione di massa di prodotti sviluppati altrove (automobili, […]
Il Fatto Economico - 11 aprile 2018

Basta grandi opere inutili? Ecco la lista per i 5 Stelle

Forse nei trasporti il Movimento 5 Stelle porta finalmente a termine quello che il ministro dei Trasporti uscente aveva promesso ma non fatto: valutare con tecniche adeguate (economiche, finanziarie e ambientali), gli investimenti infrastrutturali più costosi. Invece di queste opere ne è stata fatta una lista infinita, per 123 miliardi di euro, giudicate “strategiche”, e […]
Il Fatto Economico - 14 febbraio 2018

Troppi treni e poche gare nel piano trasporti M5S

Nell’articolato Programma per i Trasporti e la Mobilità (70 pagine) del M5S sembra mancare ogni dato economico e finanziario, nemmeno nella forma di un quadro di riferimento complessivo per il settore: questo fatto ne rende complessa l’interpretazione. L’obiettivo dominante è quello ambientale (quasi tutti i dati presentati a supporto si riferiscono a quella variabile). Ma […]
Il Fatto Economico - 13 dicembre 2017

Non solo Anas-Ferrovie: il fascino del monopolio

Nei trasporti italiani il monopolio, in varie forme, domina sovrano. Le autostrade a pedaggio sono sì “monopoli naturali”, ma invece di ridurne il potere, questo è stato massimizzato per via politica: concessioni lunghissime (e recentemente prolungate senza gara dal ministro Graziano Delrio, Pd), massima concentrazione (con un solo operatore che detiene più di metà della […]
Il Fatto Economico - 22 novembre 2017

Il liberismo all’italiana esiste solo sui giornali

La fondazione americana Heritage è la più nota fonte di dati comparativi sul liberismo economico, del quale è fervente sostenitrice: se scova tracce di liberismo si affretta a lodarle e metterle in luce. E colloca l’Italia come il Paese meno liberale dell’Unione europea (seguita solo dalla Grecia), 79esimo posto nel modo, preceduti da molti Paesi […]
Il Fatto Economico - 4 ottobre 2017

Cosa pensa davvero Macron del Tav Torino-Lione

Il ministero dei Trasporti francese ha pubblicato pochi mesi fa un documento che sconfessa la logica passata delle loro “Grandi Opere” (quasi tutte di Alta velocità ferroviaria), in quanto di dubbia utilità e assurdamente onerose. Noi invece ne abbiamo in programma per una trentina di miliardi circa, forse perché le nostre casse pubbliche sono straripanti […]
Il Fatto Economico - 27 settembre 2017

Grandi opere, così l’analisi indipendente svela il bluff

Il ministero dei Trasporti ha prodotto due documenti sugli investimenti: le Linee Guida per valutarli, basate sull’analisi costi-benefici sociali, e un documento di pianificazione, “Connettere l’Italia” con moltissimi investimenti previsti, di cui pochi dichiarati come “da valutare” e molti, soprattutto ferroviari, considerati “strategici” e quindi non soggetti a valutazione. Già questo è difficilmente accettabile (dovrebbe […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×