/ di

Margot Galante Garrone Margot Galante Garrone

Margot Galante Garrone

Regista e cantautrice

Crebbe bambina con tre precettori
Privati: storici, poeti, autori,
Ed una madre assai brava cantante,
E violinista ed anche commediante…
Ma poi Margot, ch’era ancora fanciulla
Lasciò i parenti, lasciò la sua culla,
I suoi interessi, e perse la testa
Per dedicarsi ai canti di protesta.

Con Amodei e Michele Straniero
Girò l’Europa e non le parve vero
Di dare inizio alla bella avventura
Dei Cantacronache, che con sicura
Mano per primi seppero creare
Musiche e testi da rappresentare,
Coadiuvati da nomi importanti
Come Calvino, Fortini e ancor tanti
Che troppo lungo sarebbe elencare
Quindi fermiamoci nel menzionare.

Scrisse canzoni e colonne sonore
Partecipò a più kermesse canore
Tredici dischi incise da autrice
Ma le mancava, per esser felice,
Un picciol gruppo con cui lavorare
E divertirsi a inventare e a giocare.
E fu così che con far sbarazzino
Di marionette fondò il Gran Teatrino
Avendo sempre, e fedeli, al suo lato
La Paola Pilla e la Lulù Beato.

Mettono in scena spettacoli densi
Che in ogni ambiente ricevon consensi:
Musiche tratte da assai rari dischi:
Hindemith e Malipiero e Stravischi,
Kurt Weill, Rameau, e anche Purcell e Berio,
Kagel, Berlioz, Boccherini e con serio
Spirito i testi (che han messo alla prova
La Stein, Calasso, Balzac, Casanova)
Il Gran Teatrino seppe poi trovare
per presentarli in occasioni rare,
Con i costumi grandiosi che fatti
Son da quel mago di Marco Baratti.

Con le fedeli sue Pilla e Beato
Il Gran Teatrino si è poi cimentato
In più di un’opera alla Fenice
Con risultato davvero felice,
E un corso tenne poi di messinscena
Perfino in un Istituto di Pena…
E ancor produsse dei cortometraggi
(Senza peraltro trarne dei vantaggi).

Sempre e dovunque il Teatrino fu amato
Tanto che infine poi venne ospitato
Per qualche tempo in una Fondazione
Che vanta fama e vanta tradizione…
Ma che in un “amen”, con gran tracotanza
Spedì le Femmine via dalla stanza
In cui le recite dai veneziani
Erano accolte con gran battimani.
E fu così che la bella struttura
Per fare posto a una brutta scultura
Venne cacciata, senz’ombra di scusa,
E l’esperienza fu così conclusa.

Questo per quanto riguarda il teatrino
Ma se torniamo a Margot e al suo destino
Dobbiam parlar di trecento canzoni
Che stan seguendo le oscillazioni
Della politica, come consiglia
La tradizione della sua famiglia.
Sono canzoni ironiche e tristi
Che parlan spesso di poveri Cristi,
E guardano con occhiali speciali
Ciò che riportano tutti i giornali.
Ma l’avventura teatral non è morta:
chiuso un portone, si apre una porta.
E ad una lapide lei pensa spesso:
“Fu troppo brava per aver successo”…
La biografia è comunque un sigillo:
O meglio ancora: un bel coccodrillo.

www.margotgg.it

Blog di Margot Galante Garrone

Società - 7 dicembre 2016

Referendum, la terra gira anche così (cari estorsori del sì)

Ecco una poesia del grande poeta e rivoluzionario Eugène Pottier (1816-1887), autore tra l’altro de ‘L’internazionale‘, mirabilmente tradotta e riadattata da Salvo Lo Galbo, e da me musicata in tempi non sospetti. Le prime strofe in particolare sono profetiche  in modo impressionante… “Una pioggia di stelle cadenti su quest’orbe un bel dì s’abbattè. Delle nostre […]
Referendum Costituzionale - 2 dicembre 2016

Referendum, è così che bisogna votare: NO!

Una canzoncina infantile degli anni 40, da me riadattata. Quando ero piccola, papà (Margot è figlia maggiore del magistrato e politico Carlo, fratello a sua volta del celebre magistrato e storico Alessandro Galante Garrone) mi teneva sulla ginocchia e mi cantava questa canzoncina: Un aneddoto A Bardonecchia, nel 1947, la mia famiglia passava l’estate in […]
Donne - 25 novembre 2016

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne 2016, oh! Quante figlie uccise Madama Dorè?

Troppe sono le donne uccise da mariti e fidanzati. Bisogna inasprire le pene contro i maschi prevaricatori, ma soprattutto convincere le donne che non è obbligatorio sposarsi o convivere, se non c’è la sicurezza che il partner sia innocuo. Testo di Matteo Moder e Margot Galante Garrone, sulla nota filastrocca infantile “Oh quante belle figlie […]
Musica - 27 maggio 2016

Migranti, per una bimba siriana annegata

Vecchia ninna nanna che mi cantava la mia mamma: il mare, nel suo canto, era il lupo che mangiava la pecorella. Il lupo di questi anni di dolore è il mare, la pecorella è un’innocente bambina di quattro anni, strappata dalle braccia della mamma e divorata dalle onde. Che di fronte a questo scempio i […]
Cultura - 25 aprile 2016

25 aprile: pietà l’è morta

Sulla famosa aria della brigata Julia (Sul ponte di Perati) lo scrittore e capo partigiano Nuto Revelli scrisse questa canzone, divenuta famosa per l’intensità e per lo spirito battagliero con cui Nuto inneggia alla conquistata libertà dal nazifascismo. Qui la ripropongo in un’esecuzione live del 1965 mia e del Coro del Teatro Comunale di Bologna, vent’anni […]
Società - 15 aprile 2016

Referendum, porta iella la trivella

Questo è un mio modesto incentivo per votare sì al referendum sulle trivellazioni. Trovo vergognoso che un Presidente del Consiglio (non eletto, tra l’altro, e in extremis appoggiato dall’Emerito Napolitano) inciti i cittadini all’astensione: in parole povere: consigli, o addirittura  imponga di non andare a votare al Referendum abrogativo, in modo da non raggiungere il quorum (il che […]
Cultura - 10 aprile 2016

La petite promenade du poète

La petite promenade du poète: una poesia – appena musicata – del grande Dino Campana (1885-1932), il poeta dei Canti orfici.
Società - 21 marzo 2016

‘Qua e là’

Il mondo è diventato invivibile a qualsiasi latitudine. Parole di Margot Galante Garrone, musica di Doc Pippus      
Cultura - 7 marzo 2016

‘D’un tratto gridò’

D’un tratto gridò: una poesia di Cesare Pavese, musicata da Sergio Liberovici. Di un’attualità sconvolgente.      
Società - 21 febbraio 2016

Auguri per i miei 18 anni

Nel giorno del mio compleanno, una canzone scritta da Franco Fortini e Sergio Liberovici per i miei lontanissimi… 18 anni!        
Roma, quella guerra tra poveri che racconta un’Italia sconosciuta alle élite
Povertà, “dal 2008 +21% di italiani bisognosi a Milano”. Ronda Carità cerca volontari virtuali: bastano 2 euro

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×