Ecco una poesia del grande poeta e rivoluzionario Eugène Pottier (1816-1887), autore tra l’altro de ‘L’internazionale‘, mirabilmente tradotta e riadattata da Salvo Lo Galbo, e da me musicata in tempi non sospetti. Le prime strofe in particolare sono profetiche  in modo impressionante…

“Una pioggia di stelle cadenti su quest’orbe un bel dì s’abbattè.
Delle nostre classi dirigenti non ne rimase in piedi alcunché.
Condottieri dell’umano strazio, re, statisti, estorsori del sì,
sono andati a diriger lo spazio
E la terra gira anche così. E la terra gira anche così…”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, quella guerra tra poveri che racconta un’Italia sconosciuta alle élite

prev
Articolo Successivo

Povertà, “dal 2008 +21% di italiani bisognosi a Milano”. Ronda Carità cerca volontari virtuali: bastano 2 euro

next