Sulla famosa aria della brigata Julia (Sul ponte di Perati) lo scrittore e capo partigiano Nuto Revelli scrisse questa canzone, divenuta famosa per l’intensità e per lo spirito battagliero con cui Nuto inneggia alla conquistata libertà dal nazifascismo.

Qui la ripropongo in un’esecuzione live del 1965 mia e del Coro del Teatro Comunale di Bologna, vent’anni esatti dopo la Liberazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, la vera storia di “Bella Ciao”. Dai partigiani a Yves Montand, come è diventata un inno di resistenza

next
Articolo Successivo

25 Aprile: Giorgio Marincola, il partigiano ‘meticcio’ che combattè i nazifascisti

next