Sulla famosa aria della brigata Julia (Sul ponte di Perati) lo scrittore e capo partigiano Nuto Revelli scrisse questa canzone, divenuta famosa per l’intensità e per lo spirito battagliero con cui Nuto inneggia alla conquistata libertà dal nazifascismo.

Qui la ripropongo in un’esecuzione live del 1965 mia e del Coro del Teatro Comunale di Bologna, vent’anni esatti dopo la Liberazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 aprile, la vera storia di “Bella Ciao”. Dai partigiani a Yves Montand, come è diventata un inno di resistenza

prev
Articolo Successivo

25 Aprile: Giorgio Marincola, il partigiano ‘meticcio’ che combattè i nazifascisti

next