Vecchia ninna nanna che mi cantava la mia mamma: il mare, nel suo canto, era il lupo che mangiava la pecorella. Il lupo di questi anni di dolore è il mare, la pecorella è un’innocente bambina di quattro anni, strappata dalle braccia della mamma e divorata dalle onde. Che di fronte a questo scempio i vari Salvini tacciano per sempre. E si vergognino se qualcosa (troppo) hanno già detto in passato. Questa immagine li perseguiti per il resto dei loro giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primavera Sound Barcellona 2016, al via dal 1° al 4 giugno: dai Radiohead a Brian Wilson

prev
Articolo Successivo

Postepay Sound Rock in Roma, riportare la capitale a essere caput mundi

next