/ di

Oliviero Diliberto Oliviero Diliberto

Oliviero Diliberto

Politico e docente di Diritto romano

Fare politica da comunista per me è stata – ed è – “una scelta di vita”, per dirla con il titolo bellissimo di un libro di Giorgio Amendola. Ma la mia vita non si è esaurita nella sola politica.

Sono sardo, nato a Cagliari, il 13 ottobre del 1956. In quarta ginnasio, appena entrato alle scuole superiori, mi diedero un volantino politico (era il 1969: allora, non ne avevo mai visto uno!): fu una folgorazione. Inizio, così, semplicemente, a “stare a sinistra”, a militare. Presto, diventai anche comunista e, in qualche anno, segretario provinciale della Fgci. Da ragazzo, come tantissimi altri, avvertivo il peso delle ingiustizie della società: volevo cambiare il mondo. Tanti di quei ragazzi di allora, nel frattempo, invece di cambiare il mondo, sono stati cambiati dal mondo stesso, hanno così anche cambiato casacca, bandiera, opinioni, modi di pensare. Io, ahimè, il mondo non l’ho cambiato: non ci sono e non ci siamo riusciti. Ma non ho cambiato idea, né casacca. Berlinguer, in una celeberrima intervista, poco prima di morire, era il 1983, disse che la qualità alla quale era più affezionato era di essere rimasto fedele agli ideali della sua gioventù. La penso anche io così.

Nel 1991 ho contribuito a far nascere Rifondazione Comunista. Non accettavo che il Pci potesse sciogliersi, operando una cesura drammatica con tutta la storia del movimento operaio italiano. Le donne e gli uomini di quella straordinaria comunità umana, oltre che politica, avevano dato un contributo determinante per rendere il nostro paese migliore, più giusto e democratico: la Costituzione italiana – che porta la firma del comunista Terracini -, lo statuto dei lavoratori, lo stato sociale…

Nel 1998 ho partecipato alla fondazione del Partito dei Comunisti Italiani, di cui sono Segretario nazionale.

L’impegno del mio Partito è battere le destre e unire i comunisti per costruire una sinistra più forte, che stia dalla parte del lavoro, dei diritti, della scuola e della cultura, della democrazia.

Ho avuto l’opportunità di fare il parlamentare e il ministro della Giustizia, ma sono stato l’unico segretario di partito a rinunciare volontariamente alla candidatura per lasciare il posto a un operaio della ThyssenKrupp di Torino.

La politica è la mia passione, tuttavia insegnare è la professione che amo. Tranne la breve parentesi da ministro, non ho mai smesso di tenere interamente (e, ovviamente anche gratuitamente!) il corso di Diritto romano all’università di Roma La Sapienza: mi ha aiutato, tra l’altro, a non perdere il contatto con il mondo reale e con le giovani generazioni. Lezioni, esami, tesi di laurea, dialogo continuo con le ragazze e i ragazzi. Di ciò sono particolarmente orgoglioso, più di tanti altri incarichi che ho avuto nella mia vita.

Ho anche diretto il quotidiano “Liberazione” e scritto molti libri: alcuni di politica (pochi), molti di cultura, giuridica e anche “storie di libri”. I libri, dunque. Forse, essi contendono alla politica il primato delle mie passioni. Perché la lezione attualissima di Gramsci è che il mondo, oltre che con le lotte sociali e la politica, si cambia con la cultura, che – se appartiene a tutti e non ad una stretta cerchia privilegiata – è la più formidabile arma di emancipazione e di liberazione dei popoli e delle classi subalterne.

Blog di Oliviero Diliberto

Politica - 29 agosto 2012

Destra-sinistra: senza non c’è più la politica

Se non c’è più destra e sinistra, non c’è più la politica. Resta, allora, il pensiero dominante – che oggi è quello dell’economia liberista e del capitalismo finanziario – al di fuori del quale non è possibile andare. Il governo della cosa pubblica si riduce ad amministrazione dell’esistente, al fare i compiti a casa che […]
Politica - 22 maggio 2012

La sinistra unita sarebbe una forza a due cifre

Stavolta voglio ringraziare il Fatto Quotidiano e parlare della Federazione della Sinistra. L’edizione cartacea odierna è l’unico giornale che si è accorto che alle elezioni amministrative era presente anche la Federazione della Sinistra. Gli altri quotidiani ci hanno sostanzialmente ignorato. Nel suo ottimo articolo a pagina 3, Luca Telese scrive: “Il secondo motivo per cui […]
Politica - 10 maggio 2012

Il 12 maggio ‘Gridiamoglielo in piazza!’

Questo non è un governo tecnico, ma il governo più politico degli ultimi vent’anni della storia italiana, che sta riuscendo dove hanno fallito altri governi politici e di destra. Monti riesce a fare il lavoro sporco che altri non hanno fatto. E ciò è testimoniato dal fatto che in pochi mesi questo governo ha fatto […]
Politica - 24 aprile 2012

Sinistra, 5 appuntamenti fondamentali

3 settimane per 5 appuntamenti fondamentali per la sinistra italiana ed Europea. Il 22 aprile si è votato in Francia. Hollande riapre la speranza per un’Europa più giusta, alternativa alle politiche recessive imposte dall’asse Merkel-Sarkozy. Non ha avuto paura a fare una campagna elettorale contro lo strapotere delle banche e della finanza. È contrario al […]
Politica - 6 aprile 2012

L’antipolitica di destra contro la democrazia

Il Bossi del celodurismo, della canotta e dell’ampolla del Po. C’è una sorta di strano amarcord a leggere editoriali e articoli sulle dimissioni di Bossi. Un retrogusto che non mi convince. La Lega è il partito della xenofobia e del razzismo, che da tre decenni alimenta le peggiori pulsioni dell’Italia. Bossi ha portato il Nord […]
Economia & Lobby - 28 marzo 2012

Legge elettorale, arma di distrazione di massa

Cicchitto chiama e Monti risponde, anche a costo di perdersi gli elogi di Obama. Il Pdl punta i piedi sulla legge anticorruzione e Monti scatta sull’attenti. Perché a Berlusconi e al Pdl non si può mai dire di no. Un film già visto. Tassisti, avvocati, professionisti non si toccano. Di Rai non si discute. “Vuolsi […]
Economia & Lobby - 15 marzo 2012

Fateci votare, almeno sulla Costituzione

L’inserimento del pareggio di bilancio in Costituzione sta per essere approvato in Senato. È la seconda lettura, l’ultima per l’approvazione definitiva. Il testo è passato con soli 3 voti contrari nella seconda deliberazione alla Camera. Se anche in Senato si determinasse analoga votazione, non ci sarebbe possibilità di svolgere il referendum confermativo previsto dall’articolo 138 […]
Lavoro & Precari - 2 marzo 2012

Lo specchio del Meridione

La vicenda Alcoa è lo specchio in cui il Sud dovrebbe guardarsi per accorgersi di aver toccato il fondo. Sono stato a trovare i lavoratori Alcoa in presidio permanente sotto al Ministero dello Sviluppo economico a Roma. Lavoratori arrivati dalla mia terra, la Sardegna, per chiedere al Governo dei professori di fare qualcosa per l’azienda […]
Politica - 18 febbraio 2012

L’ignoranza è recessione

C’è un capitolo totalmente assente dalle manovre e dai provvedimenti di Monti. Su scuola, università, saperi e cultura non c’è nulla. È il governo dei professori, ma non sembra. Non c’è nulla perché il ministro Profumo ha dichiarato che la riforma Gelmini non si tocca. In perfetta continuità, del resto, con quanto sostenuto da Mario […]
Mondo - 13 febbraio 2012

La tragedia greca, la follia militare e la sinistra

In questi giorni siamo tutti greci. Dalla parte del popolo greco massacrato dalla follia del ricatto neoliberista europeo. Perché quello che succede oggi in Grecia può accadere a ogni altro popolo europeo, Italia compresa. Sono stato in Grecia da poco, Atene era spettrale: negozi chiusi, ovunque manifestazioni, scuole senza libri, ospedali senza siringhe. Un paese […]
Destra-sinistra: preferisco la contrapposizione Riformatori-Conservatori
Corruzione, il diktat del Pdl all’ombra del Quirinale

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×