La vicenda Alcoa è lo specchio in cui il Sud dovrebbe guardarsi per accorgersi di aver toccato il fondo.

Sono stato a trovare i lavoratori Alcoa in presidio permanente sotto al Ministero dello Sviluppo economico a Roma. Lavoratori arrivati dalla mia terra, la Sardegna, per chiedere al Governo dei professori di fare qualcosa per l’azienda dove lavorano e per il loro territorio, che soffre uno dei livelli più alti di disoccupazione giovanile d’Italia.

L’americana Alcoa è una delle più grandi aziende al mondo nella produzione di alluminio. All’inizio dell’anno ha annunciato la chiusura dello stabilimento di Portovesme in provincia di Carbonia-Iglesias che dà lavoro a circa 1.000 persone.  Il prezzo dell’alluminio è crollato e i costi delle materie prime sono aumentati. L’azienda vuole ristrutturarsi e decide di chiudere, tra gli oltre 25 impianti che ha sparsi per il mondo, proprio la fabbrica sarda, perché i costi dell’energia elettrica sarebbero “non competitivi”, malgrado da 15 anni goda di agevolazioni statali sulle tariffe energetiche. Gli operai chiedono al governo di intervenire sulla bolletta energetica per convincere Alcoa a rimanere o in alternativa di trovare un acquirente per continuare la produzione. Il governo non sta facendo praticamente nulla.

L’Alcoa è lo specchio di un Meridione ormai in una crisi che rischia di diventare irreversibile.

Il reddito pro capite al Nord è quasi doppio rispetto a quello del Sud. Più passano gli anni, più il divario aumenta. Perché il Meridione subisce un’inarrestabile e profonda deindustrializzazione che lo costringe a una duratura recessione. L’occupazione continua a calare, non solo per effetto della crisi. Meno di un ragazzo su tre è occupato. La migrazione verso il Nord è altissima: dal 2000 al 2009 ben 583 mila persone hanno abbandonato il Sud. L’invecchiamento della popolazione è preoccupante. Le infrastrutture – strade e ferrovie – sono a livelli drammaticamente arretrati (nella mia Sardegna la rete non è nemmeno elettrificata). Il dissesto idrogeologico del territorio è spaventoso. Gli investimenti privati sono in calo costante. I livelli di economia sommersa restano elevatissimi. La criminalità organizzata mafiosa continua a essere padrona di territori ed economie e a porre una ipoteca enorme sullo sviluppo del Sud.

Diceva Antonio Gramsci: “il Sud è l’emblema del fallimento del capitalismo italiano”.

Negli ultimi anni abbiamo subito la retorica leghista e le politiche per il Sud berlusconiane riassumibili nella follia del ponte sullo Stretto e nella inutile militarizzazione del territorio. Come se non bastasse miliardi di euro dei fondi FAS sono stati tagliati e spostati altrove. Una vera e propria politica antimeridionalista.

Il Sud, invece, è una straordinaria risorsa dell’Italia e una grande opportunità di sviluppo e crescita economica per l’intero Paese.

È giunto il tempo di reinventarsi un meridionalismo che non insegua folli separatismi e che non ripercorra la strada del clientelismo e dell’assistenzialismo.

Occorre promuovere un grande piano di investimenti per il Mezzogiorno, rilanciando l’intervento pubblico nell’economia, aumentando la presenza e l’impegno finanziario dello Stato verso il Mezzogiorno, perché quella è la priorità che va introdotta, se si vuole voltare pagina, intervenendo seriamente e concretamente per ridurre il divario tra il Nord e il Sud e per rilanciare la crescita del Paese.

Nuove politiche industriali, sviluppo delle infrastrutture, piano per il lavoro e l’occupazione.

E, infine, dobbiamo ribaltare la prospettiva con cui abbiamo guardato sino ad ora al Mezzogiorno: non più Sud d’Italia e d’Europa, ma centro dello sviluppo Euro-Mediterraneo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le sabbie mobili. Diario dalla torre-faro

next
Articolo Successivo

Metro C di Roma, muore un operaio
I sindacati: “Avevamo denunciato prima”

next