Stavolta voglio ringraziare il Fatto Quotidiano e parlare della Federazione della Sinistra.

L’edizione cartacea odierna è l’unico giornale che si è accorto che alle elezioni amministrative era presente anche la Federazione della Sinistra. Gli altri quotidiani ci hanno sostanzialmente ignorato.

Nel suo ottimo articolo a pagina 3, Luca Telese scrive: “Il secondo motivo per cui mezzo Pd è inverosimilmente listato a lutto, è perché vince – sì – ma con l’alleanza che una parte importante del suo gruppo dirigente (veltroniani, lettiani, fioroniani e centristi) non voleva. Non solo quella con Italia dei Valori e con Sel, ma, in moltissimi casi, anche con la Federazione della Sinistra. tant’è vero che, sempre Letta, ieri ripeteva: “Mi chiedo. Di Pietro può essere considerato di sinistra? Possiamo vincere le elezioni e pensare di governare con i comunisti? Io l’ho già fatto nel 1996 e non voglio ripetere l’esperienza!” Ed ecco il problema: la base del centrosinistra e queste elezioni hanno affondato i sogni di convergenze post-democristiane al centro e indicato una strada diversa”.

A pagina 5, poi, c’è un riquadro non firmato in cui si legge: “Giornata storica per il comune di Rieti […] a sostenere il trentasettenne vendoliano Simone Pietrangeli […] ci sono anche la Federazione della Sinistra e due liste civiche. Ed è questa foto di Vasto “allargata” la vera protagonista di questa tornata elettorale. Otto comuni su 27 si tingono di rosso grazie all’accoppiata vincente Fds e centrosinistra. Senza Rifondazione e Pdci, il centrosinistra (in questo caso alleato con l’Udc) vince Asti, Taranto e Brindisi”.

Condivido in pieno queste analisi. Nella stragrande maggioranza dei capoluoghi prevale il centrosinistra “allargato”, ma alla sinistra, non al centro. È evidente che la scomparsa della Lega, la disfatta della destra, il terzo polo al palo, l’exploit di Grillo e l’affluenza bassissima un po’ ovunque, devono far suonare la sveglia e produrre un marcato salto di qualità nella costruzione di un profilo politico nazionale del centrosinistra non più moderato e decisamente dalla parte dei lavoratori, dei beni comuni e dei saperi.  

Vorrei, infine, solo limitarmi a riportare un po’ di dati, visto che i giornali non lo hanno fatto.

La Federazione della Sinistra (che unisce il Partito dei Comunisti Italiani, Rifondazione Comunista di Paolo Ferrero, Socialismo 2000 di Cesare Salvi e Lavoro e solidarietà di Gian Paolo Patta) era alleata con Pd, Idv e Sel in 10 dei 14 comuni capoluogo vinti dal centrosinistra. E ci tengo a ricordare, perché non l’ha scritto quasi nessuno, che a Palermo c’erano due liste a sostegno di Leoluca Orlando: Italia dei Valori e Federazione della Sinistra (che insieme ai Verdi si è presentata con la lista “La sinistra e gli ecologisti per Orlando”), che ha preso il 4,75% dei voti e non entra in consiglio comunale solo a causa del folle sbarramento al 5% che c’è in Sicilia.

Nei comuni superiori ai 15.000 abitanti la Federazione della Sinistra ottiene complessivamente il 3%. 

Vorrei poi salutare la storica vittoria di Ugo De Vivo a Isernia, una figura indipendente dai partiti, ma da sempre molto vicino alla sinistra e ai comunisti.

Insomma, piaccia o no, la Federazione della Sinistra c’è (anche se i media non parlano quasi mai di noi) ed in molti casi è determinante per far vincere il centrosinistra. Sinistra Ecologia e Libertà, che gode della sconfinata visibilità mediatica di Vendola, non sfonda e si attesta a circa il 4%. Italia dei Valori, che ha un folto gruppo di parlamentari, è sostanzialmente sugli stessi livelli. Se fossimo, invece, tutti uniti saremmo una forza a due cifre: una sinistra che conta, come nel resto d’Europa. Noi continuiamo a lavorare in questa direzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le armate di Grillo e il ghigno di Bersani

next
Articolo Successivo

Facce di tolla

next